Musica da Strada

Aumenti tariffe autostradali. A farne le spese i lavoratori

Aumenti tariffe autostradali. A farne le spese i lavoratori

Aumenti tariffe autostradali. Dal 1 gennaio 2015 le tariffe sono aumentate in media dell’1.32%

Aumenti tariffe autostradali, un’altra stangata per gli automobilisti. Puntuali come un orologio svizzero sono arrivati con l’inizio dell’anno gli aumenti dei pedaggi delle autostrade. Gli italiani se lo aspettavano, è una tassa fissa ormai da anni e anni, anche se la speranza era quella di vedere invariati i prezzi ai caselli. Invece le autostrade si fanno sempre più salate e viaggiare diventa un costo elevato. Non solo per chi vuole concedersi una vacanza. Le categorie professionali che usano l’auto o il camion sono colpiti da una vera valanga di rincari. Coloro che per lavoro devono spostarsi da una parte all’altra dell’Italia. I camionisti, ad esempio, che girano in lungo e in largo l’Italia prettamente sulle autostrade. Anche se l’inflazione è in fase calante da quasi un anno, dal 1 gennaio 2015 le tariffe autostradali sono aumentate in media dell’1,32% per l’intera rete. A renderlo noto il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Facciamo degli esempi: in Abruzzo l’aumento è dell’1,46% sull’A14, gestita da Autostrade per l’Italia, e dell’1,50% su A24 e A25 della concessionaria Strada dei Parchi.

Aumenti tariffe autostradali. Le polemiche

Altri esempi: per la Brescia-Padova, la Tangenziale di Milano e la Torino-Savona, l’aumento sarà il massimo possibile, 1,5 per cento. L’aumento è inferiore a quelle che erano le richieste delle società concessionarie, ma si tratta comunque un ulteriore esborso per i cittadini. L’aumento delle tariffe delle autostrade ha destato non poche polemiche. E’ in atto una vera e propria guerra tra le associazioni che difendono i diritti dei consumatori e l’associazione che rappresenta le concessionarie delle autostrade. Fanno la voce grossa Adusbef e Federconsumatori: la loro richiesta di congelare le tariffe delle autostrade nel 2015 è stata disattesa. Di tono diverso la posizione dell’associazione italiana delle società concessionarie di autostrade e trafori riguardo agli aumenti sulle autostrade: per l’Aiscat le tariffe più care sono in linea con l’inflazione.

Invia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>